lunedì 29 novembre 2021


 Basilio Reale

 Amore mio, è difficile da questo fondo, da questo finale, dire come mi manchi, come immenso tu sei nel mancare, adesso che mi sono persa fra masse dure, fra cinghie di buio pesto, senza divinità, senza la tua mano che tutto sorregge. Tu mi credi più forte, mi pensi in oro e argento, ma guarda l'orma che lascio, come di cagna, di passero stanco, di bruco, di mosca. Non vedi come mi spengo se non mi ami? Mi secco come una pianta. Amami ancora un poco, con cura, con tempo, con attesa. Amami come amano i forti spiriti, senza pretesa, con fuoco generoso, con festa, senza ragionamento. E scusa questo domandare ciò che si deve dare, questo avere bisogno, scusalo. Non è degno del patto che lega la rondine al suo volo, la rosa al suo profumo, il vino al suo colore, il tuo cuore al mio.

Mariangela Gualtieri da Paesaggio con fratello rotto, Einaudi 2021

giovedì 25 novembre 2021

 diventerà come una domenica,

lenta nella testa
la lontana tenerezza
che punteggia una tristezza.

lunedì 22 novembre 2021

 

Ultimamente ho guardato dei film di quando ero bambino. Io non sorridevo mai. Mio fratello e mia sorella sorridevano. Io no. Avevo l’aria imbarazzata. Era come se mi sentissi un intruso. Era come se non sapessi esattamente dove dovevo stare e cosa dovevo fare. Da bambino ero quasi catatonico. Era come se sentissi il bisogno di scusarmi per il fatto di esistere. Ero triste, e avevo la sensazione di non avere il diritto di vivere. Ma nello stesso tempo c’era in me qualcosa di falso: mi adattavo al mondo dissimulando: fingevo di essere buono. Avevo un’aria assente sotto la quale si sentiva il calcolo: ero il futuro rivoluzionario. Avevo paura del mondo, della mia famiglia, e, per non farmi schiacciare, assumevo un’aria quasi sacerdotale. Conosco uno scrittore abbastanza noto che non cammina, striscia; io strisciavo. Dopo imparai a ribellarmi strisciando.

 Carlo Bordini

 una vita senza restanza

cit.

sabato 20 novembre 2021

 (...) Il mio paese, il padre di mio padre,

il triste, il paese,

come una dolce bestia è entrato nell’autunno.

Juan Carlos Mestre


venerdì 19 novembre 2021