martedì 25 aprile 2017

E poi, a essere giusti,
c'è anche il sole.
Da nessun'altra parte
c'è un sole come qui,
sole del mattino
per tutto il giorno.
Motivo per cui le piante,
persino le felci,
di tanto in tanto sono tentate
dalla fiducia.

Seamus Heaney, da  L'erbario in Catena umana
Benedetta la matrice poematica 
di ogni tua consapevolezza.

Alfonso Guida

domenica 23 aprile 2017

il non tempo dei libri:
https://zero.eu/eventi/53846-tempo-di-libri,rho/


La letteratura, allora, mito depotenziato dell'arsenale di un'unica classe (ridotta ciclicamente a declinare, pur di toccare terra nella frenesia immateriale del capitalismo, neoarcaismi di ogni tipo), non può che risolversi nella truffa del suo rito, sempre che non nasconda al contrario qualche altra cosa, persino un'irritazione idiosincratica che la dichiari per l'appunto tale.

Gabriele Frasca

venerdì 21 aprile 2017

a proposito degli iris
che hai raccolto
lungo la rete di casa
non mi ero accorta di averli mai visti
come mi pareva di vedere te e la casa sorti 
in quell'istante
e mentre li raggruppavi nella mano
non pensavo
e non pensavo a nulla
ma vivevo con te che ammucchiavi i fiori
col tuo modo di fare
veloce
effettivo
tenendo per sé ogni dire,
l'odore di fresco, i pini con specie di bambini
verdini
sulle punte
le finestre che abbiamo chiuso
alterne
forse l'ultimo affacciarci
e solo tu potevi gettar lì 
l'unica cosa da dirsi
nella stanza senza fantasmi
incredule
perse:
non posso crederci,
era poco prima che mi scappassi
di schiena
come una straniera
che lavora per un'altra famiglia
;
ho aspettato l'autobus col sole in faccia
ed ero nell'acqua
ed ero sulla tua credenza
con una lisca in gola,
e questo è tutto ciò che ci ricorda.

*

sto lasciando affondare
l'amore
sasso o pesce,
finché resto limpida
lo posso guardare
fermarsi o scappare.


giovedì 20 aprile 2017

(...)  generava delle creature che obbedivano a una legge terribilmente semplice: potevano soffrire, dovevano divertire.

Victor Hugo, L'uomo che ride
(...) pallidi cattivi maestrini.

op.cit.