domenica 13 agosto 2017

sentire il freddo.

*

morire velocissimo,
potevi dirmelo, staccare una foglia, aspettare che mostrasse le vene
e di sembianza in sembianza, come l'alfabetiere e le sue figure elementari
condurmi la mano, raddrizzarmi la penna, 
ma mi hai spedito la tua fine
spedita
travestita da acqua torrentizia
devo ancora aprire le mani
togliere la diga di dita
stendere la linea della vita
compressa nel destino
e forse in qualche altro accidente
rassicurante;
in men che non si dica
si è nel centro del fiume
nel largo del mare, dispersi ad amare.

Nessun commento:

Posta un commento